Venerdì, Novembre 24, 2017

Home

PRECARI: DIRITTO AL RISARCIMENTO DANNI

Pronuncie innovative della giurisprudenza di merito circa il diritto dei precari al risarcimento del danno per la mancata stabilizzazione nel pubblico impiego. Più recentemente il Tribunale di Trapani, con sentenze nr. 89/2013 e 90/2013, ha condannato il Ministero della Pubblica Istruzione al pagamento di notevoli somme di denaro, fino a 150.000,00 euro, a titolo di  lucro cessante e danno emergente causa l'abusivo ricorso allo strumento della flessibilità del lavoro a termine, anche nel pubblico impiego.  Nel caso concreto gli istanti, prestatori di lavoro senza soluzione di continuità da diverso tempo, hanno adito l'autorità giudiziaria per ottenere la differenza tra quanto effettivamente percepito e quanto invece avrebbero ottenuto qualora fossero stati assunti come lavoratori a tempo indeterminato fino al raggiungimento dell'età pensionabile. 

AVVOCATO E AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Il Consiglio Nazionale Forense, con decisione del 20.02.2013, ha deliberato sulla compatibilità tra la professione di avvocato e quella di amministratore di condominio, anche se svolta contemporaneamente, continuativamente o professionalmente. Di seguito si pubblica l'estratto della Commissione Consultiva del CNF.

LEGGE 219/2012

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2012 n. 293 la legge 10 dicembre 2012 n. 219 “Disciplina in materia di figli naturali” che eguaglia i diritti dei figli naturali a quelli dei legittimi, ovvero nati all’interno del matrimonio. Il provvedimento  è entrato in vigore il 01/01/2013.

STALKING CONDOMINIALE

L’art. 7 del D.L.  23 febbraio 2009 n. 11, convertito con modifiche dalla L. 23 aprile 2009, n. 38, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico la nuova fattispecie incriminatrice dello “stalking”, prevista e punita dall’art. 612 bis del codice penale sotto il nomen juris di “atti persecutori”.

Leggi tutto: STALKING CONDOMINIALE

DECRETO LEGGE 158/2012

Importante pronuncia della Suprema Corte di Cassazione in tema di responsabilità medica dopo il decreto Balduzzi. Il medico deve risarcire il paziente in caso di colpa lieve; Responsabilità per errata diagnosi. Cassazione Sezione III Civile nr. 4030 del 19.2.13